Anello verde

Torna agli itinerari bike
Cartografia
Località partenza Parco Leopardi Torino
Classificazione
Difficoltà BC / BC (OC-)
Dislivello mt. 1200 c.a.
Quota partenza
Quota arrivo 700 mt
Tempo percorrenza 7h
Km percorsi/sviluppo 60 km
Tipo di terreno
Ciclabilità in salita 95% in discesa 100%
Descrizione sintetica Ad un certo punto ci siamo chiesti se era possibile realizzare un buon giro in mtb restando nelle immediate zone limitrofe a Torino senza andare necessariamente in montagna. L’impresa sembrava ardua, conferire al giro tutte quelle caratteristiche che si riscontrano nelle ciclo escursioni montane non è certo semplice e invece no. E’ stato sufficiente guardarsi attorno per capire che la collina di Torino può offrire molto di più di quanto non si creda.
Il giro in esame con baricentro il Monte dei Cappuccini consente di poter effettuare un paio di scalate immersi nel verde della collina di Torino compiendo due anelli, il primo verso la Maddalena, il secondo verso Pino e il sentiero Cambogia
Descrizione Il percorso è quasi tutto ciclabile, c’è anche il portage in salita aspetto che non si riscontra sempre nei giri in montagna. Le rampe si susseguono e in alcuni momenti senza sosta raggiungono valori di tutto rispetto; datemi retta prendetevela comoda sin dall’inizio per non restare in riserva a metà giro sul più bello.
Le discese a tratti presentano tornanti e contro tornanti molto stretti, questo lo si verifica sia nel primo quanto nel secondo anello che presentiamo. Le difficoltà poi aumentano e non di poco se il giorno prima per caso si è messo a piovere; la collina in discesa si trasforma in una saponetta oleoviscosa dove non esiste copertone ramponato idoneo allo scopo e le 26” magicamente in discesa al fondo diventano delle 30” pronte a proiettare frammenti fangosi sui biker che seguono.
Altro aspetto interessante è il sali e scendi che logora e usura velocemente le risorse energetiche del biker; nel secondo anello in particolare una volta giunti in “vetta” si dovrà faticare non poco per poter affrontare i sentieri che ci porteranno a imboccare il sentiero Cambogia.
Questo ultimo sentiero, noto anche con il nome di sentiero 600 o degli alberi, risulta particolarmente preparato, pettinato e manutenuto come i sentieri d’alta quota dei bike park. L’uscita cavatappi al termine compare come la ciliegina sulla torta pronta a dare le ultime soddisfazioni al biker esaltando al massimo le sue capacità tecniche.
E’ il classico giro che sulla carta non entusiasma più di tanto ma a giro fatto farà tornare a parlare bene di se più volte nei vari incontri tra bikers.
Buona pedalata e divertitevi.
Autore Marino Bersia
Ultima percorrenza primavera 2013
Periodo consigliato Tutto l’anno eccetto quando piove
Mappa
Profilo altimetrico
Foto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


5 + nove =