Fort de Gondran

Torna agli itinerari bike
Cartografia I.G.C. 1:50.000 “Valli di Susa e Chisone”
Località partenza Monginevro; Piazzale dell’obelisco
Classificazione

Difficoltà
Dislivello 1.400 mt.
Quota partenza
Quota arrivo
Tempo percorrenza 5 ore circa
Km percorsi/sviluppo 40 km
Tipo di terreno Sterrato 70 % sentiero 30 %
Ciclabilità 95%
Descrizione sintetica Classica escursione in ambiente d’alta quota, lungo le strade militari che collegano le fortificazioni francesi a ridosso del confine italiano.Bellissima variante nel finale, in quota, che consente di toccare il Lago dei 7 colori e quindi il rientro in Italia attraverso il Colletto Gimont. Panorami mozzafiato.
Descrizione Dalla stazione sciistica di Monginevro (piazzale dell’obelisco) ci si porta nei pressi della partenza dell’ovovia, dove, sulla sx diparte una strada in terra battuta per lunghi tratti pianeggiante.Tralasciata una prima derivazione a sx, che consente la salita diretta al Gondran attraverso il Vallone della Durance, proseguiamo lunga la strada che si inoltra nella bellissima foresta di conifere e , parallelamente alla S.S. del Monginevro, si abbassa velocemente fino nei pressi di La Vachette, a quota 1350 c.a.

Da questo punto inizia a risalire il fondo a tratti è sconnesso e questo comporta ulteriore dispendio di energie nel condurre il proprio mezzo.La pendenza tuttavia non è mai eccessiva, grazie ai numerosi tornanti prendiamo velocemente quota.

Giunti nei pressi delle fortificazione dell’Infernet, mt. 2377 la strada compie alcuni traversi , al termine della vegetazione arborea è possibile scorgere in lontananza la massiccia fortificazione del Gondrand, che raggiungiamo abbastanza velocemente grazie alla moderata pendenza, anche se l’esposizione al sole ed il caldo mette a dura prova la nostra resistenza fisica. Poco prima di arrivare alla meta, una deviazione a sx permette una divagazione al vicino bastione del Fort de Janus (2500 mt.) Dopo essersi ristorati presso una fontana, ci rimettiamo in sella: dopo circa 500 mt. pieghiamo a sx, dopo un lieve strappo abbandoniamo la strada militare e proseguiamo su percorso che svolta decisamente a destra.

Il primo tratto, in discesa non presenta alcuna difficoltà: di seguito la pista diventa via via più stretta (e divertente!) , alcuni saliscendi consente di non perdere eccessivamente quota. Da questo punto il panorama spazia su tutta la vallata di Cervieres con il Pic de Roquebrune a fare da protagonista.

Continuando su sentiero (alcuni brevi tratti a spinta) raggiungiamo il famoso Lago Gignoux, o dei 7 colori, meta di numerosi escursionisti che salgono da Cesana nella bella stagione. Qui l’ambiente è veramente incantevole.

Tralasciando la traccia che sale in direzione del Monti della Luna (Cesana) costeggiamo il lato sx del lago inerpicandoci per un centinaio di metri di dislivello per scollinare nei pressi del Colletto Gimont – tralasciando la traccia che sulla sx sale ripida al Colletto Verde.

Le tracce a questo punto si perdono, tuttavia è possibile scendere in sella agevolmente lungo ampie praterie e distese di mughi per incrociare poco dopo le tracce di un sentiero (segni rossi) . La pendenza non è mai eccessiva e questo assicura un divertimento smisurato nell’affrontare le strette serpentine del tratturo, specialmente in un tratto in mezzo al bosco di conifere. Il sentiero termine su una strada in terra battuta utilizzata per il collegamento agli impianti sciistici di Claviere. Per evitare di scendere nel centro della località di confine e quindi dover risalire, seguiamo le indicazioni (paline bianche) per il rientro a Monginevro: il percorso così si snoda lungo le piste da sci (nere!) e tracce di strade di servizio, costeggiamo un piccolo laghetto artificiale, e senza troppa fatica raggiungiamo i nostri autoveicoli.

Autore Gruppo VolveraBike unitamente il CAI Orbassano
Ultima percorrenza 23 giugno 2002
Periodo consigliato da giugno a settembre
Mappa
Profilo altimetrico
Foto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


3 − due =