Colle del Prete

Torna agli itinerari bike
Cartografia I.G.C. 1:50.000 “Monviso” e I.G.C. 1:75.000 “Il Cuneese”

Località partenza Brossasco (Valle Varaita), 606 mt.
Classificazione

Difficoltà
Dislivello 1200 mt.
Quota partenza
Quota arrivo
Tempo percorrenza 4 ore
Km percorsi/sviluppo 50 km
Tipo di terreno
Ciclabilità
Descrizione sintetica Il percorso interessa le Valli di Gilba e Varaita attraverso i Colli di Gilba e del Prete, valichi un tempo molto frequentati nei collegamenti con la vicina Valle Po.
L’anello che segnaliamo raggiunge quote non eccessivamente elevate e pertanto ne rende possibile l’effettuazione per molti mesi dell’anno.
Descrizione La nostra escursione inizia da Brossasco ( 606 mt.) da dove risaliamo per un paio di km. la S.P.8 fino nei pressi del bivio per il Santuario di Valmala. Prima di attraversare il ponte sul Varaita, imbocchiamo sulla dx una ripida strada asfaltata che prende rapidamente quota attraversando alcuni nuclei di case in parte abbandonate. Superata la chiesa di S. Eusebio, dopo aver abbandonato l’asfalto per una comoda sterrata, superiamo la bellissima borgata Perotti (grange stupende – dalla caratteristica struttura in pietra, in parte oggetto di recupero) e facciamo tappa nei pressi del caratteristico Santuario della Madonna delle Betulle (1168 mt.), autentica balconata sulla media Valle Varaita.

Da questo punto un bellissimo sentiero totalmente ciclabile (al primo bivio tenere la sx in piano) si inoltra tra bellissimi boschi di castagni e betulle: nei pressi di S.Bernardo di Sottole (pilone votivo – piccola radura) un’evidente strada in terra battuta, in leggera discesa, ci permette di transitare velocemente nei pressi della fraz. di Gilba Superiore (1250 mt. c.a.). Prima dell’abitato, un’indicazione in legno (ponticello) ci indica la direzione per il Colle di Gilba, primo valico in programma della giornata.

Risaliamo faticosamente un paio di tornanti (asfalto) ed attraversiamo bici al fianco (tenere la dx) le strette vie lastricate della borgata Danna (1335 mt.), ammirando la bella struttura della chiesa con un curioso portale sotto il quale transita il sentiero (da questo punto segni rossi/bianchi). Per chi avesse ancora energie nelle gambe il tratto che segue, dal pessimo fondo, può essere percorso ancora in sella: viceversa alcuni tratti vanno percorsi a piedi.

Tuttavia la distanza ed il dislivello che separa al Colle Gilba (1524 mt.) è breve e questo ci consente di goderci la bellezza dei luoghi. Circa 200 mt prima del Colle una fontana ci suggerisce di effettuare un rifornimento.

Dal Colle proseguiamo lungo l’evidente sterrata che presenta alcuni tratti sconnessi ma totalmente ciclabile, in direzione del Colle del Prete (1716 mt.) che raggiungiamo senza particolari difficoltà.

La discesa si effettua in direzione della Valle Varaita: al primo tratto sterrato e molto panoramico, si sostituisce una comoda strada in asfalto che attraverso l’abitato di Becetto (1387 mt.) scende ad imboccare la S.P. 8 nei pressi di Sampeyre. Da questo punto una dozzina di km ci separano dalle autovetture.

Autore gruppo VolveraBike – C.A.I. Sez.di Orbassano
Ultima percorrenza 1 giugno 2003
Periodo consigliato
Mappa
Profilo altimetrico
Foto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


3 × nove =