Colle della Roussa

Torna agli itinerari ciaspole
Cartografia I.G.C. 1:50.000 “Valli di Susa e Chisone”
Località partenza Strada sterrata in direzione Prato del Colle, a quota 1500 mt. c.a., appena entrati all’interno del Parco Orsiera Rocciavrè (bacheca descrittiva sulla dx). In assenza di neve proseguire in auto fino alla case della borgata Colletto.
Classificazione Medio
Dislivello 500 mt. c.a.

Quota partenza
Quota arrivo
Tempo percorrenza In salita: 2 ore, in discesa: 1 ora 30”
Descrizione sintetica Importante valico che mette in comunicazione la Valle Sangone con la media Val Chisone. Adatto alle prime esperienze con le racchette, offre ampi spazi sulle due vallate e la pianura in lontananza.
Descrizione Proseguire a piedi lungo la strada a moderata pendenza per cica 1 km . Raggiunte le prime case della borg. Colletto, la strada effettua una serie di tornanti, fino ad una curva a sx marcata, in questo punto è situata una palina con indicazioni GTA (n. 342) per il Colle della Roussa. A dx , continuando sempre sulla carrareccia, viene indicato un percorso per ciaspole (freccia gialla) che conduce al Prato del Colle – Monte Bercia.
Si prosegue quindi alla nostra destra su tratto di sentiero facile attraversando un lariceto e subito dopo superiamo il Rio della Balma . Da questo punto la vegetazione lascia gradualmente spazio ad arbusti e macchie di vegetazione a basso fusto, in compenso la vista si allarga verso la media ValChisone: in condizioni di neve compatta non sussistono particolari problemi, anche se intuitivo, non conviene abbandonare le tracce rosse/bianche del segnavia.
Non è raro incontrare gruppi di cervi e camosci che scendono in cerca di cibo.
Un ultimo sforzo, data l’elevata ripidità, ci consente di intravedere la sagoma del pilone, dedicato alla Madonna Immacolata, in prossimità del Colle (2017 mt.)
Lo spettacolo che si offre ai nostri occhi spazia su tutta la ValSangone e, nelle giornate limpide, su gran parte della pianura Torinese con, in lontananza, le colline del Monferrato.
Ritorno: seguendo fedelmente la via dell’andata.
Autore Cavaglià Antonello e Racca Roby
Ultima percorrenza 2 novembre 2003
Periodo consigliato
Mappa
Profilo altimetrico
Foto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


4 × otto =