Colle Orsiera

Torna agli itinerari ciaspole
Cartografia
Località partenza Centro di Soggiorno di Pra-Catinat , 1630 mt.
Classificazione Impegnativo
Dislivello 965 mt.
Quota partenza
Quota arrivo
Tempo percorrenza salita circa 3 ore, discesa 2 ore 15″
Descrizione sintetica L’itinerario si sviluppa interamente nel Parco dell’Orsiera-Rocciavrè, istituito nel 1980, ed è ripagato dagli splendidi panorami che offre la salita.
Il pianoro di Pra-Catinat (1780 mt) offre nella stagione invernale un silenzio irreale e bellezza incomparabile, non riscontrabile nella bella stagione, quando orde di turisti ne invadono le verdi praterie.
Descrizione Lasciata l’autovettura nei pressi del Centro di Soggiorno (ex Sanatorio G.Agnelli) seguire la strada in leggera salita agggirando un costone su cui sorgono le fortificazione del Forte di Fenestrelle: la strada continua ora pianeggiante e subito si tocca il pianoro di Prà Catinat (così detto per il campo che vi pose nel 1692 il generale francese Catinat, nel corso di una campagna che Luigi XVI condusse contro Vittorio Emanuele II°).
Senza seguire una linea logica, proseguiamo zizagando su comodi pendii e lariceti puntando ad incrociare il segnavia GTA 335 (anche se i segni sono coperti dalla neve, la via è quanto mai intuitiva). Avvicinandosi progressivamente al rio di Puy, il pendio si fa più ripido, tra cespugli e ginepri, e dopo un ripiano pascolivo ritorna a mezza costa in una valletta ingombra di massi con una sorta di piccolo anfiteatro morenico.
Ci troviamo difronte un magnifico colpo d’occhio sulle due punte (Sud e Nord) dell’Orsiera, divise tra loro dal Colletto (percorribile unicamente in sicurezza, piccozza e ramponi). Sulla nostra sinistra possiamo scorgere la nostra meta, anche per raggiungerla occorrerà sudare ancora parecchio, ma ne vale la pena!.
Il panorama è esteso verso la Val Germanasca, il Bric Boucie, la lunga cresta che sale al Becco dell’Aquila, la piramide del Monviso.
Proprio sul colle (2595 mt. ) il cammino incrocia dal trinceramento risalente all’epoca della Battaglia dell’Assietta (1747): un muro di pietre a secco corre lungo la dorsale formando una linea a zig-zag, caratteristica struttura a freccia delle fortificazioni dell’epoca.
Bellissimo panorama sulla Valle Susa.
Il ritorno segue fedelmente la via dell’andata.
Autore Racca Dario, Cavaglià A., Gili G. e Porporato Bruno
Ultima percorrenza 8 dicembre 2003
Periodo consigliato
Mappa
Profilo altimetrico
Foto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


7 − quattro =